«Che bella parola “domani”»: conflitto e catastrofe in una selezione di racconti buzzatiani