Il sistema del gusto italiano, un modello replicabile?