Un archivio senza pareti: Salvador Dalí e la televisione italiana