Il dubbio patologico che caratterizza le persone con Disturbo Ossessivo Compulsivo . stato spesso attribuito a defi cit di memoria, tuttavia le ricerche condotte a questo proposito hanno prodotto risultati contraddittori. Per contro sembrano esserci chiare prove del fatto che i pazienti affetti dal disturbo manifestino scarsa fi ducia nelle proprie abilit. mnesiche. Il presente studio si . proposto di approfondire la tematica attraverso un confronto tra le prestazioni di un gruppo di checkers non clinici, un gruppo di persone con tendenza al disturbo ma appartenenti a sottotipi diversi dal checking, e un gruppo di controllo. Dai risultati si . evidenziato che, selezionando partecipanti omogenei per livelli di ansia e depressione, non emergono defi cit di memoria verbale e non verbale nelle persone con tendenza al disturbo, cos. come non emerge una chiara dichiarazione, da parte dei checkers, di scarsa effi cienza relativa alle proprie abilit. mnesiche. Questo risultato porta a considerare l’ipotesi, gi. avanzata da diversi autori, che il dubbio patologico sulla propria memoria, piuttosto che caratterizzare i checkers in quanto tali, si manifesti nel momento in cui il compito . percepito come ansiogeno, in quanto associato a possibili conseguenze pericolose per se stessi o per gli altri.

Disturbo Ossessivo-Compulsivo e funzioni mnesiche associate. Una ricerca sperimentale., 2008.

Disturbo Ossessivo-Compulsivo e funzioni mnesiche associate. Una ricerca sperimentale.

Moderato, Paolo;Rabitti, Elisa
2008

Abstract

Il dubbio patologico che caratterizza le persone con Disturbo Ossessivo Compulsivo . stato spesso attribuito a defi cit di memoria, tuttavia le ricerche condotte a questo proposito hanno prodotto risultati contraddittori. Per contro sembrano esserci chiare prove del fatto che i pazienti affetti dal disturbo manifestino scarsa fi ducia nelle proprie abilit. mnesiche. Il presente studio si . proposto di approfondire la tematica attraverso un confronto tra le prestazioni di un gruppo di checkers non clinici, un gruppo di persone con tendenza al disturbo ma appartenenti a sottotipi diversi dal checking, e un gruppo di controllo. Dai risultati si . evidenziato che, selezionando partecipanti omogenei per livelli di ansia e depressione, non emergono defi cit di memoria verbale e non verbale nelle persone con tendenza al disturbo, cos. come non emerge una chiara dichiarazione, da parte dei checkers, di scarsa effi cienza relativa alle proprie abilit. mnesiche. Questo risultato porta a considerare l’ipotesi, gi. avanzata da diversi autori, che il dubbio patologico sulla propria memoria, piuttosto che caratterizzare i checkers in quanto tali, si manifesti nel momento in cui il compito . percepito come ansiogeno, in quanto associato a possibili conseguenze pericolose per se stessi o per gli altri.
Italiano
Italy
nazionale
senza ISI Impact Factor
A stampa
Settore M-PSI/01 - Psicologia Generale
Settore M-PSI/08 - Psicologia Clinica
2
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10808/2368
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact