Una cronista nella zona grigia: Caserta, il lavoro di Rosaria Capacchione