Il lettore transitivo: Calvino e il Saggio