Dissoluzione e resistenza della poesia secondonovecentesca: "Per interposta persona" di Enrico Testa