Geografia e capitalismo: ripensare le contraddizioni