Lo spatial turn come figura epistemologica: una meditazione a partire dalla geografia politica della modernità