La riflessione metalinguistica sulla stampa italiana: oltre l'epicedio?