«I Malavoglia» come romanzo figuralizzato