Come chiamarlo? "1912 + 1" e l’arte del ‘racconto’ in Sciascia