Il dilemma tra neurale e intersoggettivo non esaurisce le alternative