Gregorio Botta: un'altra ultima cena