Il presente contributo si propone di analizzare uno degli aspetti meno noti della personalità di Oreste del Buono, ripercorrendo alcune tappe della sua lunga e misconosciuta carriera di romanziere. Focalizzandosi in particolare sulla transizione che lo porterà dal neorealismo alle ardite sperimentazioni di inizio anni Settanta, la mia analisi intende mettere in luce la complessa personalità di un autore "fieramente scontento degli status quo letterari" e, anche per questo, difficilmente catalogabile secondo gli schemi tradizionali della storiografia letteraria italiana.

Una scrittura senza alibi: oreste del Buono e la sindrome degli "ismi", 2015.

Una scrittura senza alibi: oreste del Buono e la sindrome degli "ismi"

Chiurato, Andrea
2015

Abstract

Il presente contributo si propone di analizzare uno degli aspetti meno noti della personalità di Oreste del Buono, ripercorrendo alcune tappe della sua lunga e misconosciuta carriera di romanziere. Focalizzandosi in particolare sulla transizione che lo porterà dal neorealismo alle ardite sperimentazioni di inizio anni Settanta, la mia analisi intende mettere in luce la complessa personalità di un autore "fieramente scontento degli status quo letterari" e, anche per questo, difficilmente catalogabile secondo gli schemi tradizionali della storiografia letteraria italiana.
Italiano
65
15
29
15
Italy
nazionale
nessuno
A stampa
Settore L-FIL-LET/14 - Critica Letteraria e Letterature Comparate
1
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10808/11164
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact