“Memoriré” di Marco Ceriani, ovvero dell’ipotiposi che (si) uccide