La teoria della narrativa ha messo in evidenza la mediazione come il contrassegno specifico del narrare. In un testo narrativo tutte le proposizioni passano attraverso un medio individuale e vengono, per così dire, contaggiate da esso sottraendo alle medesime ogni pretesa oggettiva e, rendendole in tal modo "fluttuanti", questa mediazione crea, tramite il loro insieme, la cosiddetta "finzione letteraria". Si tratta di una funzione dialettica: immaginazione che si traduce in riflessione di un Io-narrante; riflessione che si svolge esclusivamente nelle immagini. Un tale pensare per immagini si può chiamare una narrazione dell'immaginario.

La narrazione dell'immaginario, 2005.

La narrazione dell'immaginario

SZUKALA, RALPH HELMUT
2005

Abstract

La teoria della narrativa ha messo in evidenza la mediazione come il contrassegno specifico del narrare. In un testo narrativo tutte le proposizioni passano attraverso un medio individuale e vengono, per così dire, contaggiate da esso sottraendo alle medesime ogni pretesa oggettiva e, rendendole in tal modo "fluttuanti", questa mediazione crea, tramite il loro insieme, la cosiddetta "finzione letteraria". Si tratta di una funzione dialettica: immaginazione che si traduce in riflessione di un Io-narrante; riflessione che si svolge esclusivamente nelle immagini. Un tale pensare per immagini si può chiamare una narrazione dell'immaginario.
Italiano
Pozzobon, Giovanni Michele
Mosaici di orizzonti : società, immaginari, comunicazione
151
165
88-464-6725-6
Italy
Milano
nazionale
Settore L-LIN/13 - Letteratura Tedesca
1
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10808/909
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact