La promozione di Boris e I soliti idioti tra metanarrazione e transmedialità