Denaro e Bellezza. I banchieri, Botticelli e il rogo delle vanità