Linguaggio giovanile e interferenza: la dimensione internazionale