Paradossi e credenza. Piccola rilettura landowskiana in dialogo con de Certeau