Il vampiro, il cinema e la peste delle immagini