Identità in costruzione. Leopardi, Simmel e il medium dell’abitudine