Analizzando la "nuda vita" del migrante, viene fornita una lettura del lavoro della memoria e del lavoro dell'oblio cui è soggetto, dovendo operare una deterritorializzazione con conseguente riterritorializzazione della memoria collettiva. La memoria "perturbata", tra estraneità e familiarità, può cicatrizzare le proprie ferite ritrovando la strada verso una memoria felice

Migrazione e traumatismi del ricordo: dalla memoria ferita alla memoria felice, 2012.

Migrazione e traumatismi del ricordo: dalla memoria ferita alla memoria felice

Boccali, Renato
2012

Abstract

Analizzando la "nuda vita" del migrante, viene fornita una lettura del lavoro della memoria e del lavoro dell'oblio cui è soggetto, dovendo operare una deterritorializzazione con conseguente riterritorializzazione della memoria collettiva. La memoria "perturbata", tra estraneità e familiarità, può cicatrizzare le proprie ferite ritrovando la strada verso una memoria felice
Italiano
Passerini, Alberto; Talamoni, Maurizio
59
76
18
978-8865311080
Italy
Roma
comitato scientifico
nazionale
A stampa
Settore M-FIL/01 - Filosofia Teoretica
Settore M-FIL/04 - Estetica
1
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10808/6077
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact