Tre modelli interpretativi del fenomeno open source