Mi sacrifico, dunque sono: Michael Curtiz fra noir e mélo