Rifiuti tossici dello sguardo: il cinema dello scarto