Clint Eastwood: il potere (assoluto) delle immagini