Gli antenati tra proiezione e parodia