Tra le molteplici “forze” che modellano gli spazi fisici e simbolici della città contemporanea e che imprimono dinamismo alle funzioni urbane, va oggi assegnato un posto di primo piano anche alla cultura. Essa si inscrive nella città con edifici stabili (università, centri di ricerca, musei, teatri) o in modo temporaneo attraverso eventi culturali (festival, manifestazioni fieristiche, sfilate di moda, mostre, spettacoli teatrali, concerti). La cultura crea poli di attrazione, ovvero luoghi che “coagulano le funzioni ed i flussi indotti dagli eventi culturali” (Zerbi et all., 2001, p.20). La cultura che ridisegna gli spazi concreti del contesto urbano milanese è l’oggetto di indagine di questo contributo, all’interno del quale si fa riferimento alle trasformazioni che hanno investito (e investono tuttora) il “microdistretto” di Via Savona, Via Tortona e dintorni e l’area di Romolo, oggi sede dell’Università IULM. Si tratta in entrambi i casi di vistose trasformazioni d’uso di alcune aree dismesse, all’interno delle quali nuovi usi culturali si sono diffusi in edifici abbandonati da precedenti attività.

Paesaggi urbani in trasformazione: cultura e riterritorializzazione a Milano, 2010.

Paesaggi urbani in trasformazione: cultura e riterritorializzazione a Milano

Morazzoni, Monica
2010

Abstract

Tra le molteplici “forze” che modellano gli spazi fisici e simbolici della città contemporanea e che imprimono dinamismo alle funzioni urbane, va oggi assegnato un posto di primo piano anche alla cultura. Essa si inscrive nella città con edifici stabili (università, centri di ricerca, musei, teatri) o in modo temporaneo attraverso eventi culturali (festival, manifestazioni fieristiche, sfilate di moda, mostre, spettacoli teatrali, concerti). La cultura crea poli di attrazione, ovvero luoghi che “coagulano le funzioni ed i flussi indotti dagli eventi culturali” (Zerbi et all., 2001, p.20). La cultura che ridisegna gli spazi concreti del contesto urbano milanese è l’oggetto di indagine di questo contributo, all’interno del quale si fa riferimento alle trasformazioni che hanno investito (e investono tuttora) il “microdistretto” di Via Savona, Via Tortona e dintorni e l’area di Romolo, oggi sede dell’Università IULM. Si tratta in entrambi i casi di vistose trasformazioni d’uso di alcune aree dismesse, all’interno delle quali nuovi usi culturali si sono diffusi in edifici abbandonati da precedenti attività.
Italiano
Viganoni, Ida
89
475
487
13
9788888692722
Italy
Roma
sì, ma tipo non specificato
nazionale
A stampa
Settore M-GGR/01 - Geografia
Saggio nel Volume della Memorie della Società Geografica
1
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10808/4609
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact