“L’esercizio del giorno e la meditazione della notte”: Beccaria e la metafisica di Hume