Baudrillard: gli oggetti Kitsch come pseudo-oggetti