Il saggio che vuole analizzare il passaggio di Milano dai luoghi e simboli della guerra alla genesi di esperienze, tentativi, spazi e simboli della pace che si sarebbero sviluppati negli anni che andarono dalla ricostruzione postbellica al cuore del boom economico. In una stagione di sussulti creativi in cui Milano tornò al centro di reti glocal. Nel secondo dopoguerra infatti la città lombarda offriva un caleidoscopio di esperienze al crocevia tra passato e modernità e delle sue contraddizioni, culla dei movimenti dei fasci di combattimento, della borghesia industriale liberale e centro finanziario e produttivo del sistema dell’industria bellica nazionale, Milano era stata anche il crocevia dei socialismi e sindacalismi e la fucina infinita di un riservato ma vitale cattolicesimo ambrosiano, unico nel panorama della penisola, anche nel rapporto tra clero e laicato. Un città in cui anche il pacifismo assunse toni e colori inediti nello scenario della guerra fredda e della ricostruzione nazionale.

Milano: luoghi, esperienze di ricostruzione e utopie pacifiste tra il secondo dopoguerra e gli anni del boom economico, 2020-12.

Milano: luoghi, esperienze di ricostruzione e utopie pacifiste tra il secondo dopoguerra e gli anni del boom economico

Massimo De Giuseppe
2020-12

Abstract

Il saggio che vuole analizzare il passaggio di Milano dai luoghi e simboli della guerra alla genesi di esperienze, tentativi, spazi e simboli della pace che si sarebbero sviluppati negli anni che andarono dalla ricostruzione postbellica al cuore del boom economico. In una stagione di sussulti creativi in cui Milano tornò al centro di reti glocal. Nel secondo dopoguerra infatti la città lombarda offriva un caleidoscopio di esperienze al crocevia tra passato e modernità e delle sue contraddizioni, culla dei movimenti dei fasci di combattimento, della borghesia industriale liberale e centro finanziario e produttivo del sistema dell’industria bellica nazionale, Milano era stata anche il crocevia dei socialismi e sindacalismi e la fucina infinita di un riservato ma vitale cattolicesimo ambrosiano, unico nel panorama della penisola, anche nel rapporto tra clero e laicato. Un città in cui anche il pacifismo assunse toni e colori inediti nello scenario della guerra fredda e della ricostruzione nazionale.
Italiano
giu-2020
Giovannetti, Paolo; Moretti, Simona
Milano e la memoria: distruzioni, ricostruzioni, recuperi
1
169
211
42
9788857569291
Italy
Milano
Mimesis
comitato scientifico
nazionale
A stampa
Settore M-STO/04 - Storia Contemporanea
1
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
8. De Giuseppe.pdf

accesso solo dalla rete interna

Descrizione: Testo del saggio
Tipologia: Documento in Post-print
Dimensione 284.59 kB
Formato Adobe PDF
284.59 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10808/37543
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact