E se fossimo tutti ‘quasi’ traduttori?