Il Cenacolo di Leonardo e la Sistina di Michelangelo: dall’immagine fissa all’immagine in movimento