Bécquer, genio e regolatezza