«It’s all recorded»: voce e ontologia nel cinema contemporaneo