La guerra come rappresentazione rassicurante