Su un’antichissima «stola greca della Sagristia Vaticana»