«Botteghe Oscure», tra ricerca del nuovo e formazione del canone