Da Qui all'eternità: Richard McGuire e il tempo