Sui sentieri della Sainte-Victoire: il ripensamento della fenomenologia a partire da Cézanne