Psicologia dell'alimentazione: il cibo come varietà neghentropica