Giorgio Manganelli e la traduzione