Competenze letterarie e competenze digitali: il 'continuum' possibile