Wilt Chamberlain, gli intellettuali e il capitalismo