Camilleri tra gastronomia e linguistica: parallelismi e intersezioni