‘Di filo’ e ‘di scrittura’: praxis e magia al femminile