Taking their children on a journey is always a demanding undertaking for parents. As small children and adolescents get older and grow in independence, the parents’ task becomes easier. How easy it becomes, however, depends on the anxiety of the parents. In recent years operators have seen children as half clients without evaluating their specific needs, but adapting them, often on a smaller scale, to those of their parents. Those who in the past have realised the importance of treating them as privileged clients have made a fortune. We just have to think of McDonald’s and Holiday Inn, as well as many destinations such as the various Disneylands around the world, or the numerous operators and entrepreneurs who have adapted their “style” to accommodate the needs and interests of the very young. However, travelling has many other meanings for young people, to such an extent that the travelling experience can help them to become adults. In simple societies it is a journey, even a symbolic one, that marks the passage from childhood to adulthood. And it still is today. Leaving the family nest to reach a distant place alone means leaving as a child and returning as an adult in the knowledge of having succeeded in a conquest and having learnt something more about yourself.

Per i genitori portare i propri figli in viaggio è sempre una impresa impegnativa. Con il crescere dell’età e dell’autonomia del bambino e dell’adolescente, l’impegno dei genitori diminuisce. Di quanto diminuisca, però, dipende dall’ansia del genitore. Negli anni scorsi, gli operatori vedevano il bambino come un mezzo cliente senza valutarne le specifiche esigenze ma adattandole, spesso in scala ridotta, a quelle dei genitori. Quelli che in passato hanno intuito l’importanza di trattarli come una clientela privilegiata hanno fatto fortuna. Si pensi a McDonald e agli Holiday Inn, ma anche a molte destinazioni come i vari Disneyland di tutto il mondo o ai tantissimi altri operatori e imprenditori che hanno adeguato il loro “stile” sulle necessità e sugli interessi dei più piccoli. Ma il viaggiare dei giovani assume anche molti altri significati tanto che l’esperienza del viaggiare aiuta a diventare adulti. Nelle società semplici è un viaggio, seppure simbolico, a segnare il passaggio dalla fanciullezza alla vita adulta. E ancora oggi è così. Lasciare il nido famigliare per raggiungere da soli un altro luogo lontano significa partire bambini e tornare da adulti con la consapevolezza di aver conquistato qualcosa, di aver imparato qualcosa di più di se stessi.

Il viaggio come rito di passaggio dall'infanzia all'età adulta, 2004.

Il viaggio come rito di passaggio dall'infanzia all'età adulta

Lavarini, Roberto
2004

Abstract

Per i genitori portare i propri figli in viaggio è sempre una impresa impegnativa. Con il crescere dell’età e dell’autonomia del bambino e dell’adolescente, l’impegno dei genitori diminuisce. Di quanto diminuisca, però, dipende dall’ansia del genitore. Negli anni scorsi, gli operatori vedevano il bambino come un mezzo cliente senza valutarne le specifiche esigenze ma adattandole, spesso in scala ridotta, a quelle dei genitori. Quelli che in passato hanno intuito l’importanza di trattarli come una clientela privilegiata hanno fatto fortuna. Si pensi a McDonald e agli Holiday Inn, ma anche a molte destinazioni come i vari Disneyland di tutto il mondo o ai tantissimi altri operatori e imprenditori che hanno adeguato il loro “stile” sulle necessità e sugli interessi dei più piccoli. Ma il viaggiare dei giovani assume anche molti altri significati tanto che l’esperienza del viaggiare aiuta a diventare adulti. Nelle società semplici è un viaggio, seppure simbolico, a segnare il passaggio dalla fanciullezza alla vita adulta. E ancora oggi è così. Lasciare il nido famigliare per raggiungere da soli un altro luogo lontano significa partire bambini e tornare da adulti con la consapevolezza di aver conquistato qualcosa, di aver imparato qualcosa di più di se stessi.
Italiano
Stroppa, Claudio
Il bambino e il viaggio
83
104
22
88-400-0978-7
Italy
Milano
nazionale
A stampa
Settore SPS/10 - Sociologia Dell'Ambiente E Del Territorio
1
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10808/2105
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact