Sul logoramento dell'esperienza musicale (e parzialissimo riscatto)